Arte e Dintorni – La dimora di Paola Crema & Roberto Fallani

Cena esclusiva nella dimora della scultrice internazionale Paola Crema e del Designe Roberto Fallani

In una dimora pregna d’Arte, Cultura e buon gusto i selezionatissimi ospiti del circuito Doc Italy hanno potuto saggiare straordinari prodotti Made in Italy e ammirare le creazioni di Stefano Roncaccia hanno donato ancor più stile e ricercatezza…
Un grande plauso allo straordinario Chef Bruno Brunori, alle Artigianali Bontà con i “Ripieni d’Autore”di “Bottega della Pasta”,firmati Chiodetti Formaggi che ci ha deliziato con il suo “Fiocco”, una formaggetta unica da guinness, le esilaranti “Zizzone di Battipaglia”, il superlativo Olio Monterisi e i suoi Sott’Olio meravigliosi, l’ottimo Vino Casteldepaolis e la goduriosa chiusura con l’Eccezionale Prosecco “Casato Unico” e gli incredibili Dolci del Mastro Pasticcere Mauro Morandin, l’apoteosi del Gusto .

L’ARTE IN OGNI SUA FORMA, DALLE OPERE STRAORDINARIE DI PAOLA CREMA ALLE SQUISITEZZE DELLA CHEF LAURA MARCIANI, DAGLI STRAORDINARI VINI “PODERE DELLA TORRE” ALLA BONTÀ DEI MARITATI DELLO CHEF BRUNO BRUNO BRUNORI, DALLE CREAZIONI DEL DESIGNE ROBERTO FALLANI ALLE LECCORNIE DELLO CHEF ANTONIO, DALLE BONTÀ CIARDI AL PREMIATO PROSECCO ANDREA BIASIOTTO, DALLE PRELIBATEZZE DELLO CHEF ANDREA DOLCIOTTI, DALLE OPERE D’ARTE “ARTIGIANALI” DEL PANIFICIO LUCARELLI, dAL PRIMATO DEL RISO”ACQUERELLO” ALLE MERAVIGLIOSE BIRRE ARTIGIANALI CONTROMANO, DAL DELIZIOSO BRACHETTO D’ACQUI “CANTINA ALESSANDRO MOTTA “AGLI ECCELLENTI DOLCI CIARDI”, DALLA MERAVIGLIA DEL FIOCCO E DELLA RICOTTA CHIODATI FORMAGGI AL MAGNIFICO OLIO DELL’AZIENDA AGRICOLA ANTONELLO GIANNOTTI……COPERTINA DEL LIBRO DELLE ECCELLENZE IL DETABLOID APPOSITAMENTE IDEATO DAL MAESTRO MARCO ORLANDI, ARTISTA UFFICIALE DEL PREMIO INTERNAZIONALE DOC ITALY – VIAGGIO ATTRAVERSO L’ECCELLENZA.
L’APOTEOSI DEL GUSTO E DELLA VISTA, UNA LOCATION PREGNA “D’ARTE E CULTURA “CHE HA OSPITATO LA”VERA ARTE E CULTURA” DEL MADE IN ITALY
L’ITALIA IN TANTI PIATTI E TANTI PRODOTTI TUTTI “ECCELLENTI”
IL VERO “GIOIELLO” DELLA SERATA IL PARTERRE DI ALTISSIMO SPESSORE, UN CIRCUITO UNICO, IL NUOVO SALOTTO DELLE INTELLIGHENZIE, DELL’ARTE & DEL GUSTO NEL CUORE DELLA CAPITALE, IN UNA CORNICE DA TOGLIERE IL FIATO!

PROTAGONISTI:
Chef Bruno Brunori
Mastro Pasticcere Mauro Morandin
Bottega Della Pasta
Casato Unico
Chiodetti Formaggi
Monterisi Olio
Zizzona Di Battipaglia

TRA GLI OSPITI:
Marchese Massimo da Cepparello
Dott.ssa Patrizia Cermignani
Ing. Mauro Cocito
Dott. Claudio Cremonesi (Antiquario & Gallerista)
Annarita Del Piano (Attrice)
Dott.ssa Rossana Di Rosario
Corrado Ferrante (Ufficio Stampa)
Barbara Garibaldi
Prof.ssa Adele Mazzotta
Ing. Gianfranco Michelini
Avv. Domenico Naccari
Massimo & Mirelle Papiri (Architetti)
Anthony Peth (Giornalista, Conduttore, Ambasciatore del Made in Italy nel Mondo)
Marchese Emilio Petrini Mansi della Fontanazza
Prof.ssa Marinella Roccalongo
Stefano Roncaccia (Stilista)
Maestro Michele Spano’
Prof. Carlo Sportelli
Jinny Steffan
Dot.ssa Fiamma Zagara (Artista)
Generale Ugo Zottin

PAOLA CREMA
L'”archeologia immaginaria” di Paola Crema , è il frutto di un gioco concettuale teso a farci credere che le sculture da lei realizzate sono in realtà reperti riemersi da un “continente perduto”. Ed il gioco è ancora più complesso nelle sue opere fotografiche, nelle quali “documenta” l’attimo del ritrovamento,mentre in realtà il set – distrutto subito dopo aver effettuato la ripresa – è ottenuto usando quelle sculture da lei stessa prima realizzate. Un gioco di rimandi intrigante con risultati sorprendentemente convincenti.

Artista poliedrica, si è inizialmente dedicata alla creazione di sculture tipo Wunderkammer in argento e materiali preziosi (corallo, perle, oro, cristallo di roccia, pietre semipreziose) e gioielli esclusivi, vere e proprie piccole sculture da indossare. Opere ospitate per un anno nel Museo degli argenti a Palazzo Pitti alcune delle quali esposte in modo permanente.

Si è dedicata alla scultura in bronzo di grandi dimensioni, opere esposte al Museo Archeologico di Firenze, Museo del Corso a Roma , Villa Adriana a Tivoli e numerose prestigiose sedi romane tra le quali il Tempio di Adriano, la Casina delle Civette, la Centrale Monte Martini.
Le sue opere,apprezzate da un pubblico non solo italiano, fanno parte di numerose collezioni private di carattere internazionale.

Ha frequentato l’Accademia delle belle arti di Firenze dedicandosi subito allo studio dell’antichità ma anche del design, ed esplorando a fondo il mondo antiquariale nel quale ha operato con grande successo.

La cultura dell’antico e l’amore per il mondo classico hanno portato l’artista a dar forma a sculture sapientemente modellate, dando corpo alla sua “archeologia immaginaria” in un percorso concettuale che simula ritrovamenti archeologici, concretizzati nelle sue opere in bronzo e talvolta trasferiti, con un gioco di apparente documentazione, in splendide immagini fotografiche che ci fanno partecipare agli “scavi immaginari” di Paola Crema.
Vive e lavora a Firenze e a Roma.